Il nome di Emilia Gubitosi compare nei Registri del Conservatorio San Pietro a Majella a partire dal 1900-1901, con l’iscrizione ai corsi di Pianoforte e di Armonia principale grazie alla intercessione di Martucci e Platania, giacché sino ad allora alle donne era stato precluso l’accesso a tale magistero. Gli studi di composizione erano riservati solo alle leve maschili anche per ragioni logistiche. Le allieve infatti dovevano essere scortate nelle classi dei maestri dalle bidelle, che dovevano assistere alla lezione. Era piuttosto complicato, ma Emilia riuscì ad ottenere questo accesso.