Agli inizi del secolo l’attività concertistica della Gubitosi è in espansione (si vedano le lusinghiere recensioni apparse sui più importanti quotidiani dell’epoca) e similmente si moltiplica la produzione compositiva con l’avvio di una brillante carriera di operista (Gardenia Rossa, Ave Maria, Nada Delwig, Fatum).