Negli anni ’20 vediamo apparire sui palcoscenici napoletani la grande pianista/clavicembalista Wanda Landowska, interprete che aveva rilanciato alla grande il repertorio settecentesco per strumento a tastiera, in linea con la vocazione della Scarlatti per la musica antica.