Il grande drammaturgo e attore napoletano Eduardo De Filippo muore in una clinica romana. Ha 84 anni e nell’ultima fase della sua vita ha dedicato molta attenzione ai minori indigenti della sua città, recandosi più volte a Nisida e all’istituto correttivo Filangieri. A Napoli, fonte inesauribile d’ispirazione per tutte le sue opere, è rimasto legato fino alla fine, anche se in un rapporto complicato. E il suo invito a lasciare la città rivolto ai giovani, il famoso “fuitevenne” che più volte lui avrebbe negato di aver pronunciato, resta una “voce di dentro” che riecheggia ancora.