L’orientamento della Scarlatti sul fronte della musica corale e della polifonia è segnato dal “ritorno all’antico”, vale a dire dalla rinnovata frequentazione dei repertori musicali preromantici, dal gregoriano al glorioso Settecento napoletano, ancorché italiano, anche ai fini della sagomatura del moderno.