Figlia dell’alta borghesia napoletana, Emilia Gubitosi (1887-1972) si distingue precocemente per le sue brillanti doti musicali all’interno della numerosa famiglia d’origine (cinque figlie femmine, di cui almeno tre musiciste, e un solo maschio, l’ultimogenito). Pianista di successo, compositrice, direttrice di coro, didatta, organizzatrice e animatrice della vita musicale napoletana, la Gubitosi appartiene di diritto a quelle élite femminili cui è toccato un ruolo speciale nella gestione della cultura, dell’arte e delle scienze nella Napoli di inizio secolo.